“Consapevole o meno, ogni organizzazione (e azienda) è portatrice sana di notizie” è una frase dell’ultimo libro che sto leggendo che mi ha molto colpito: sto parlando del volume “Comunicare Innovazione e Impresa. Le regole del gioco per far parlare di sé” di Luca Barbieri, Ayros Edizioni.

Ma cos’è una notizia? È la narrazione di un fatto con carattere di esclusività o novità che suscita un interesse pubblico e si presta a essere veicolata attraverso i mass media e gli organi di comunicazione aziendali (blog, newsletter, ufficio stampa, social, ecc.).

E se un’azienda è portatrice di notizie, in base alla sua capacità di crearne a ciclo continuo e di generarle in modo corretto, potenzialmente è un medium, ossia un organo di informazione che utilizza molteplici canali per raggiungere le diverse tipologie di pubblico a cui si rivolge.

Se un’azienda, ad esempio, sta illustrando le proprie realizzazioni per aumentare il numero di prospect, deve ragionare come se fosse un editore: darsi una linea editoriale, un tono di voce, delle policy implicite o esplicite per gestire il dialogo con il suo pubblico.

Ma quali sono i caratteri del medium, ossia di un mezzo di comunicazione?

1. – I contenuti devono essere originali e non auto-promozionali

Occorre che l’azienda abbia uno sguardo esterno che le consenta di definire in modo preciso la propria identità, e quindi di comunicare in modo onesto e realistico la propria proposta di valore, mettendo in evidenza i pregi della propria offerta in relazione al proprio target. È un lavoro per il quale serve la “giusta distanza” del giornalista oppure un metodo di lavoro o uno stile che valorizzi l’oggettività dei fatti.

2. – Il medium ha una periodicità nel dialogo con i propri lettori

La periodicità è il ritmo con cui ci si rivolge ad essi. Non si possono pubblicare 10 aggiornamenti social in un’ora e poi tacere per dieci giorni. Non funziona: dobbiamo abituare il nostro pubblico a riconoscere una cadenza che può generare valore per esso.

3. – Autorevolezza e autenticità

Ciò che l’azienda pubblica deve trasmettere competenza e generare fiducia. Non può mentire, non può pensare di parlare a un pubblico che non sia capace di controllare quel che dice e di sottoporla a un onesto e spietato fact checking.

4. – Bidirezionalità

Nell’era del digitale occorre dialogare con i lettori. E non intendo un dialogo posticcio, di facciata: parlo di un dialogo vero sui social, di creazione di occasione di scambio di opinioni, di coinvolgimento che preluda all’incontro, sia esso dal vivo con un evento o attraverso l’acquisto di un prodotto.

Un lavoro complesso, sicuramente, che l’azienda non può pensare di affrontare con leggerezza e senza una pianificazione rigorosa. I vantaggi però, soprattutto quelli a medio e lungo termine, sono rilevanti.

I tre principali:

  1. essere percepiti e riconosciuti come centro di competenza;
  2. avere la capacità di allargare il proprio pubblico;
  3. poter generare una crescita costante del traffico organico del sito web.

Vuoi il supporto di un giornalista specializzato nel B2B per sviluppare una strategia di contenuti efficace?

Contattami senza impegno e “strappami” una consulenza gratuita 😉

Preferisci parlarne?
Chiamami al 338 5272 486

    NOME*
    COGNOME*
    EMAIL*
    TELEFONO*

    Sono un professionistaSono un'aziendaAltro

    COME POSSO AIUTARTI?

    Anticipa la tua richiesta